FONTANA CAPO D'ACQUA

Situata a circa 3 km dal centro abitato: dai suoi cannelli sgorgo copiosa una limpida e freschissima acqua. Un tempo era il luogo di ritrovo e di lavoro delle lavandaie. In prossimità della fontana è sorto un parco con l?intento di creare un luogo di svago e ricreazione all?aria aperta nelle vicinanze del paese. Nel 1954 il popolo di Genzano ha realizzato nei pressi del rinvenimento della Sacra Immagine una Cappella dai lineamenti sobri.
Nel 1986, per interessamento del Comitato Festa l?interno della chiesetta e stata affrescata dal pittore genzanese Giuseppe Pedota.

Realizzata tra il 1865 e il 1893 sulla base di un progetto redatto dall'architetto Giuseppe Antonio Locuratolo, nato a Melfi nel 1796 e trasferitosi a Genzano di Lucania a seguito della repressione dei moti carbonari, cui aveva partecipato, verificatisi in Basilicata nel 1820-21. L'architetto Locuratolo sposò a Genzano Maria Giuseppa Di Pierro. Il 25 ottobre 1978 la Fontana Cavallina viene riprodotta su un francobollo ordinario di £120 nelle serie ?Fontane d'Italia?, che raccoglie 21 fontane di tutta Italia.
Nella fontana, nella parte superiore dell?arco, è presente la statua della Dea Cerere (di origine romana rinvenuta in una contrada adiacente al paese), voluta dal sindaco Francesco Vignapiana nel 1869.
Motivo di tale scelta è dovuto al fatto che la Dea Cerere è la protettrice dell?agricoltura e specialmente del grano e ?considerando che l?industria dominante del paese è l?agricoltura e specialmente la semina del grano, orzo e avena, l?effigie di Cerere è la sola che potrebbe adattarsi alle circostanze del paese?.